Le Cat e Dog Sitter

La nostra Passione, la vostra Sicurezza!

Ciao! Accedi o registrati

Il cane abbaia in continuazione? Ecco alcuni consigli per insegnargli a non farlo

Il vostro cane abbaia in continuazione? Si tratta di un comportamento che può essere corretto con le dovute attenzioni e cure.

Gli animali comunicano prevalentemente con un linguaggio non verbale, tuttavia – in determinate situazioni – l’emozione è tale da doverla esprimere in modo alternativo. Il cane abbaia in quanto prova in questo una forma di appagamento: può abbaiare per richiamare la nostra attenzione, per cacciare individui e animali che invadono il suo territorio, per rivendicare la sua presenza laddove qualcuno si avvicini eccessivamente a lui e così via.

Si tratta dunque di una reazione per associazione, che può essere controllata semplicemente modificando il pensiero del nostro migliore amico a quattro zampe.

Il cane abbaia: come educarlo
Il cane abbaia? Ecco come ridimensionare questo comportamento

Se il cane abbaia e noi rispondiamo con urla e grida, l’animale risponderà con altrettanta aggressività. Non si sente fondamentalmente compreso e questo lo porterà a sviluppare un certo disagio in nostra presenza.

Questo modus operandi comporta due risposte distinte: il cane smette di abbaiare, non per una corretta strategia di addestramento, ma semplicemente per paura – oppure, comincerà a percepirvi come un nemico, tanto da costruire una certa irascibilità.

In realtà, possiamo seguire degli espedienti molto più semplici che aiuteranno il cane a ridimensionare queste esternazioni in totale autonomia e pseudo consapevolezza. E’ sufficiente seguire le giuste strategie di addestramento e rispetto della natura del nostro animale domestico. Vediamo come procedere.

Il vostro cane continua ad abbaiare? Ecco come ridimensionare le sue esternazioni

Come abbiamo anticipato, il cane prova appagamento nel momento in cui si trova ad abbaiare energeticamente. Occorre quindi ridimensionare questo appagamento, seguendo un metodo per associazione. Se abbaia in giardino oppure sul balcone, potete portarlo in casa.

Se dovesse proseguire anche entro le mura domestiche, potete abbassare temporaneamente le serrande per eliminare l’esposizione all’input che ha provocato la sua reazione. Cosa comporta questo? Il cane assocerà le sue azioni al fatto di essere chiuso in casa e quindi non proverà più un senso di appagamento durante l’atto.

Addestramento: il cane così smette di abbaiareIl cane va addestrato: espedienti utili per farlo smettere di abbaiare

In alternativa, è possibile distrarlo. Esistono diverse forme di appagamento con le quali possiamo “corrompere il nostro cane”. Quando smette di abbaiare e torna nella cuccia, possiamo ad esempio premiarlo con un biscotto. Possiamo richiamare la sua attenzione con un gioco oppure con il guinzaglio.

E’ importante infine, nel corso dell’attuazione di questa strategia di apprendimento, permettere al cane di associare il nostro fastidio ad una parola ripetuta. Ad esempio, quando lo chiudiamo in casa, potremmo rivolgerci al cane con “a terra”. Nel momento in cui il cane capisce il comando ed esegue quanto richiesto, lo premieremo con un biscotto.

Sicuramente avremo bisogno di un po’ di tempo prima che il piccolo (o grande) riesca a percepire i nostri desideri, ma a lungo andare garantiamo che tale strategia vi aiuterà ad educare il vostro cane, senza necessariamente terrorizzarlo con urla e ciabatte volanti.

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Tipo Servizio